Elusioni

scala-verso...-by-criBo

 
nei momenti in cui la reticenza
imbocca strade equivoche
forme di mescolanze mercuriali
ardono in petto __il corpo assolve
e l’anima s’adatta_ allo spostarsi
da una terra all’altra
s’annida un’eloquenza funzionale
minuzie a fior di labbra
ma quel che c’è da dire resta dentro
sospeso come un alito di ghiaccio

non si può fare un salto programmato
quando le scale scendono da sole
_ogni gradino un monito a restare_
e non c’è dimissione dall’esistere

si sta con le scadenze sulle altane
esuli da ogni vera conoscenza
smarriti nell’immane che sovrasta

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Elusioni

  1. lementelettriche ha detto:

    L’ha ribloggato su lementelettrichee ha commentato:
    A te Ungaretti si sposa bene: nella chiusa mi sembra di leggere “Soldati”…

    Liked by 1 persona

  2. fariv66 ha detto:

    “esuli da ogni vera conoscenza
    smarriti nell’immane che sovrasta”

    versi affascinanti.
    Grazie
    Ciao

    Liked by 1 persona

  3. miglieruolo ha detto:

    Superba. Ma non nel senso di immodesta…

    Liked by 1 persona

  4. fattorina1 ha detto:

    Poesia raffinata e non facile, direi plurisemantica. Un momento ti abbraccia e subito dopo ti respinge… come la vita degli esuli, ma esuli da chi, da che? Comunque estraniati, respinti, allontanati. Sento in questi versi una profonda solitudine che condivido.
    Narda

    Liked by 2 people

  5. gelsobianco ha detto:

    Questa tua poesia, Cri, è grande grande.
    “ma quel che c’è da dire resta dentro
    sospeso come un alito di ghiaccio”
    Io sento tantissimo questi versi questa sera.
    Ti abbraccio, cara
    gb

    Mi piace

  6. elisabetta ha detto:

    “non si può fare un salto programmato..”

    Ci leggo molto in questo verso, ma per fortuna “le scale scendono da sole”, nella nostra programmata uscita di scena. Ci vuole più coraggio a “stare”

    Liked by 1 persona

  7. marinaraccanelli ha detto:

    si sta con le scadenze sulle altane
    esuli da ogni vera conoscenza
    smarriti nell’immane che sovrasta

    parole che fanno eco nella mente di chi legge…ma tutta la poesia suona come una meditazione profonda e librata dentro espressioni inusuali, che schiudono mondi e aiutano a fare scavo dentro se stessi

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...