Protocollo

kailash - by criBo

Passavo tra le mani
_sembravano magnolie_
il bianco era il confine tra le dita
il corpo rintanato in fondo agli occhi
mi registrava ch’ero già finita
mentre parevo appena cominciata

e m’intrattenni per amore, solo
per diventare una carezza e un bacio
sulla fronte dei figli e sulla bocca
del’irreale che vestiva un uomo

la strada andava ed era in viaggio il suolo:
correva sotto il premere dei passi
_a volte mi mostrava denti aguzzi_
ingranaggi serpenti
capelli di medusa nello specchio
ed io guardai

la pietra guadagnava vie traverse
cementava il mio sangue
nella laringe il suono della voce
ebbe l’ultimo accordo
la mia canzone già precipitava
-hai visto- disse il monte dalla vetta
-hai visto come cade giù la sera?-

Ma distolsi lo sguardo
misi il pensiero in stallo
vidi me stessa uscire dalla roccia
e fui soltanto un ruscellare d’acqua

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Protocollo

  1. aitanblog ha detto:

    La chiusa è di cristallina bellezza. Una musica che sfuma nell’aria.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.