Ohm

senza paradiso - by crBo

l’edera ha un suono tra le foglie
un suono che s’inerpica sui muri
e sul terrazzo d’improvviso appare
una donna scolpita in lapislazzuli
il blu trafitto da scintille d’oro
come fosse intagliata nella notte

ha uno sguardo che luccica
dice che sente sempre quella musica
_danze polovesiane_
e ride con la bocca falceluna
ride di me fantasma stralunata

e come può la pietra essere viva
farsi leggera nuvola?
Evoca un sogno ch’era la mia vita
_non so come lo so_
sono quell’elfo e me, siamo chi pensa
e chi è pensato

la musica è il segreto matematico
che genera dall’atomo al pensiero
il verbo_ dio
che ci pronuncia in ogni nostra forma
e in ogni fantasia dell’universo

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Ohm

  1. gelsobianco ha detto:

    Oh Cri, che bella bella è questa tua poesia e quanto mi dice.
    Ritorno, cara.
    Sono qui soprattutto per darti un abbraccio vero
    gb

    Liked by 1 persona

  2. fattorina1 ha detto:

    Fare di più trattati di filosofia , un unicum pensante e giustificativo … ci vuole impegno. Cri, sento stridere i catenacci della solitudine, sento la leggerezza della pietra, la potenza della musica, non sento l’altro. Quale immane tragedia se fossimo soli a investigare sul mondo!
    Narda

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...