Ipnagogica

lanternino 2 - by criBo

ombre cinesi
mobili appena al gesto delle mani
sulle pareti nude
intorno il circo degli imbonitori
__bisognosi d’aerei personaIi
sennò come si è pari
a presidenti, papi, imperatori?__

Il balbuziente dio delle borgate
acclama l’afasia degli istrioni
a un pupazzo e ai suoi accoliti gli onori
al gregge la pastura, ammaestrare
la pecora che basta lavorare
mangiare e defecare, guardare la tivù
versare i contributi e le prebende
schiattare sulla terra col sudore
piegarsi ad ogni altare
ché tanto poi l’accoglierà gesù
nel paradiso di chi muore qui
per far la vita agiata al suo predone

il potere ha lo sporco nelle unghie
_un supermarket delle ambiguità_
distribuzione di foraggiamenti
appalti e nomine, tanto a pagare sarai sempre tu
tu prono, col tuo codice fiscale
illuso d’esser libero
ma incatenato e con la palla al piede

siamo anestetizzati da spettacoli
_il pascolo di tette e culi al vento_
dormienti tutti e intenti a ruminare
di prati con scaffali e luci al neon

ci vorrebbe una tromba sveglia_armenti
un terremoto ai timpani
e capiremmo che l’assuefazione
ne uccide più di distruzioni in massa

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie, poesie da non saper che farsene, poesie della confusione, poesie della disperazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Ipnagogica

  1. elis19mr ha detto:

    Formidabile invito a una presa di coscienza! Spesso mi domando se non siamo proprio noi cittadini indolenti, pigri mentalmente, rassegnati , anestetizzati dalle Tv e dai loro squallidi spettacoli, a favorire la crescita di questa vischiosa melma di “predoni”.
    A noi l’obbligo del codice fiscale, come ben tu dici, a loro poverini, mai, il fresco paradiso d’un carcere alle Hawaii, 🙂 🙂

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      credo che sia proprio la nostra acquiescenza a permettere efferatezze di ogni genere.
      siamo così assuefatti all’iniquità dei nostri sistemi sociali che sorvoliamo sulla corruzione, sulle ingiustizie castali, sulle violenze, su tutto il male che ci assedia… pur di conservare i pochi privilegi della nostra sfera,

      Mi piace

  2. Claretta ha detto:

    Molto attuale e veritiera, il malcontento aumenta, ma non troviamo ancora la forza di ribellarci. Troppo distanti gli uni dagli altri come anestetizzati lasciamo che tutto ci scivoli addosso, forse ancora dobbiamo toccare il fondo per acquisire consapevolezza o trovare il coraggio di reagire. I poeti possono fare molto, poesie come questa aiutano a far riflettere e risvegliare le coscienze.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...