A ciascuno il suo Munch

grido - by criBo

(Febbraio 2009)

I nostri giri intorno a chi ci amò e a chi amammo
aumentano spirali ogni volta di più
il posto delle coperte avvolge ora la pietra
il tocco delle mani ora disegna l’aria
e resistiamo al gelo

se un dio ci schianta il cuore
dopo avercelo messo dentro il petto
una buona ragione bisogna che ci sia per questo strazio
non venga a raccontarci di bellezza
di tramonti e di mari quando, se pure in cima al mondo
il nostro brulicare è un solo grido.

Io non ti temo, i lutti che tu puoi dimenticare
i tuoi figli che stanno sulla croce adesso
e tu concedi ancora le stagioni
questi sproloqui miei
ogni artificio purché ci si distragga da chi siamo
e nel mentre apro parentesi tra bocca e cervello
e sparpaglio parole come samare
sapendo che in te sono il mio buio, e che
_se mai ci sarà luce_ non avranno spessore.

Potresti incenerirmi e non lo fai
quale giullare io sono che ti canto le messe sull’altare
della mia solitudine, e mi abbagli
con un pugno di effimeri piaceri e nei ritagli d’anima
mi siedi, bambino mio,
mio giubileo dei sensi, o mio martirio d’ombra.

Allora oso parlarti dagli abissi
della mia inconoscibile sostanza
prassi del divenire e mai di eterno conoscerti
ma il grido mio ti laceri l’immenso
e ti sia eco di questo oltraggio che hai chiamato vita.

Riparalo se puoi. Noi siamo stanchi.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie, poesie della disperazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a A ciascuno il suo Munch

  1. aitanblog ha detto:

    Bello e contundente anche l’immagine che reinterpreta l’Urlo.

    Liked by 1 persona

  2. gelsobianco ha detto:

    Cri cara, ti auguro buone buone ore.
    Torno con calma per la tua poesia.
    🙂
    gb

    Liked by 1 persona

  3. gelsobianco ha detto:

    Bella bella la poesia.
    “ma il grido mio ti laceri l’immenso
    e ti sia eco di questo oltraggio che hai chiamato vita.

    Riparalo se puoi. Noi siamo stanchi.”
    Oh Cri ❤
    Grazie.
    Un abbraccio
    gb
    Colpisce forte la tua "interpretazione" dell'Urlo.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...