L’agrimensore

verso blu - by criBo

dove s’unisce il mare alla battigia
il territorio è come un corpo umano
_avvallamenti e dune_
la groma e la livella
misurano contorni approssimati
ma il revisore della geografia
vede soltanto una spianata
dall’arenile ai margini del mondo

sospende per mancanza d’orizzonte
ogni segnalazione di confine
e scrive un suo poema d’evasione
sul registro dei conti
_lo leggeranno i cantastorie_
lo porteranno sulle alberature
albatri e sule
e ne sapranno più dei marinai

la superficie d’acqua
sarà lo scalo ai senzacorpi
il capolinea d’ogni poesia
_suoneranno campane tra le onde_
e caleranno nella notte illune
messaggeri senz’ali né comete
a prendere misure di ritorno
da un mondo che si fa sempre più buio

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’agrimensore

  1. lementelettriche ha detto:

    … una spianata d’arenile ai margini del mondo – per chi si sente figlio del mare – è tutto l’universo mondo. ❤

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...