Manifesto

mattoni - by criBo

confesso al tribunale degli dei minori
d’essere il muro arreso alle tempeste
che nel disintegrarsi
perde l’assetto verticale
il tempo delle feste
quando lo rivestiva il tralcio d’edera
e muschi intenerivano le pietre

mi confesso perché non altro vive
di me stesso
_ho smesso le mansioni di ricovero_
sono ad un punto morto
un muro senza pianto
senza pretese di contenimento
vivo sembrando intatto
alle quattro colonne al cui riparo
combatto la mia lotta di mattoni

ma confesso
a questo tribunale di semidei ed eroi
d’essermi opposto sempre ai venti forti
anche se adesso
per sgretolarmi fino alle radici
m’è sufficiente il soffio d’una brezza

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Manifesto

  1. lementelettriche ha detto:

    Siamo tutti in assetto variabile
    come calati nell’abisso insondabile
    ché – sia in fondo che sull’onda –
    nient’altro descriverebbe l’umanità.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.