Serra di sera

 

DSC01680

ho scritto ancora e non
mi rende la certezza della fine
c’è bellezza nel sale
la cruna da cui passano cammelli
lo scuotere di sassi in un barattolo
_tossire della ghiaia dicendo impronte _
sembra un nonsense
biancore d’anni sopra rami spogli

ho detto ancora e non
saprei ridire quale fosse il senso
o ipotizzare un fuori senza un dentro
la scuola dei miracoli
permette un viso che non corrisponde
_a distanza di secoli sorprende_
essere viva
sfogliando calendari senza giorni

ho amato ancora e non
sapevo che l’avrei dimenticato
la catarsi del corpo
come si trema quando si è felici.
Nel giardino d’inverno resto sola
a contrastare l‘incombente notte
_malgrado inaspettate profezie_
verrà la morte e avrà           forma di rosa

 

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Serra di sera

  1. elisabetta19MR ha detto:

    Forza e bellezza sovrastano qualsiasi parola! Il tuo pensiero si svela , ma il lettore non può che leggere e rimanere muto.
    Mi colpisce l’ultimo verso, così pavesiano.. In Cesare la morte avrebbe avuto gli occhi dell’amata, qui la forma di una splendida rosa appassita, simbolo della caducità della vita.

    Liked by 1 persona

  2. cristina bove ha detto:

    grazie di esserti soffermata su quell’ultimo verso: sai che ha sorpreso anche me nel momento che si affacciava alla mente?
    la bellezza di condividere il pensiero ci salva dall’estrema solitudine.
    fotografai qualche anno fa quella rosa, colpita dalla sua grazia rassegnata, e così non è più morta, ma soltanto appassita.

    Liked by 1 persona

  3. fattorina1 ha detto:

    Amara certezza la conoscenza di una vita che dura finchè il fato deciderà e ci sarà rimpianto, tutto il male ricevuto splenderà nell’armonia di una rosa, nel suo profumo: è la vita, bellezza, solo e sempre la vita. che ruba e dona che spalanca e serra ed ha un istinto furbo, magari ti prende sottobraccio mentre ammiri un tramonto, una rosellina, una torta riuscita…, o mentre inconsapevole giaci sul letto accuscinato e ugualmente punge.
    Baci.
    Narda

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      cara Narda, è così che mi sento alla mia età, sospesa tra la bellezza che ancora la vita riserva, e la consapevolezza che sta per finire.
      la vita che “magari ti prende sottobraccio mentre ammiri un tramonto, una rosellina, una torta riuscita…” e già…
      intanto quel letto a volte punge, non fa dormire…

      baci
      cri

      Mi piace

  4. marinaraccanelli ha detto:

    splendida!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...