La notte ha il fiato corto

luogo -by criBo

 

dice:
qualcuno si è seduto sul mio letto
un tocco gelido
dalle sue mani alle mie mani
respirava il mio sonno
aggiunge: sarà questione temporale

_il repentino pianto mi sconfigge_
lui non ha più le forze
per contrastare il freddo
anche l’amore gli è di troppo
se ne sta nel suo bozzolo ovattato
tornato un po’ bambino

avrei da dirgli tante cose ancora
ma ormai ci sente poco
e non posso gridare ad alta voce
ciò che andrebbe soltanto sussurrato.
A gesti gli domando se ha paura
no, mi assicura, ed io
_che non ho il suo coraggio_   mi rifiuto
alla cattiva sorte
non voglio rimboccare le coperte
all’ospite in attesa sulla porta

ma non c’è via di fuga
e mi distraggo
facendo finta che va tutto bene
come nei film americani

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a La notte ha il fiato corto

  1. lementelettriche ha detto:

    Potrei aver capito.
    Forse, tornare un po’ bambini, aiuta a non curarsi dell’ospite in arrivo… almeno finchè c’è chi si cura di loro.
    Anche io vedo qualcuno che ho amato in una regressione d’infante: mi dice “Bella, sei la più bella tu!” (Fin qui è tutto esattamente come prima: m’ha sempre amata più di tutti.)

    Altro che “C’era una volta in America”.
    Neanche il più perfido degli sceneggiatori avrebbe inventato tutto questo.

    Liked by 1 persona

  2. fattorina1 ha detto:

    Io diversamente leggo una vicinanza scolorita, di rimbalzo, di ricordo; ciò che si è amato non si straccia, resta silenzioso nel suo angolino e non attende più niente , non più uomo, non più bambino: e noi piangiamo non la sua ma la nostra solitudine.
    Narda

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      io credo che questi vissuti condizionino perfino i nostri pensieri.
      e mi rendo conto sempre più di quanto sia difficile adattarsi alle circostanze che rendono quasi impossibile comunicare con il compagno di una vita.
      condivido pienamente che “noi piangiamo non la sua ma la nostra solitudine.”

      Mi piace

  3. Anna Bertini ha detto:

    struggente, palpabile, il disagio del sentire, il sentimento che resta, tra le barriere e la loro inutilità… trascendendo l’incomunicabilità che è inutile a se stessa, perchè resta il legame, che è pieno di pietas… grazie Cristina

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      un legame che non è possibile ignorare, ma che, nello stesso tempo, fa nascere mille domande, tutte senza risposta…
      più che mai, cara Anna, mi sento intrappolata in questa realtà, responsabile di una vita che si affida a me.
      a volte mi sento esausta
      grazie di essere passata
      un abbraccio

      Mi piace

  4. pieramariachessa ha detto:

    Bellissima, Cristina, di una dolcezza e una delicatezza così perfette da far male. Poesia che nasce anche, e soprattutto, forse, dalla sofferenza.
    Mi sono commossa.
    Piera

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...