Piccola marea di baccarat

oltre le macerie - by criBo

cristallo tipo liquido
splash
tuffo tra mille facce
il viso in iati ialini
ai
ei
oi
dugonghi (scema, dittonghi!)
oui
dlin dlin
suono di vetro o
soffio d’armonica
scacciapensieri fulminante
ictus
No!

Nel petto un microscopico
iceberg
fluttua da solo
basterà un cavatappi o
quella specie di riccioloforchetta
per estrarre dal guscio l’escargot

ma
non parlavamo di cristalli e
suoni divini?…
no
noi si rideva nelle rompighiaccio
verso i mari del nord

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesia umoristica, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Piccola marea di baccarat

  1. fattorina1 ha detto:

    Sarcastica, puntuta come i frammenti di cristallo. La sua perfezione poetica cela l’avanzata dell’orrore freddo.Il rompighiaccio si usa per penetrare oltre nel ghiaccio.Tremo.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...