Un sogno

verso una nuova era - by criBo

Sto per essere sfrattata da una casa (che avrei dovuto lasciare già da tempo) dal proprietario che ne reclama la restituzione; gli chiedo una proroga, perché non sono ancora riuscita a trovarne un’altra.
Con me c’è una bella donna bionda, una ex inquilina, mi pare di ricordare, che mi incoraggia a lasciare l’appartamento, comunque, perché sarà impossibile trovare una nuova casa nei dintorni.
Le chiedo dove abita adesso, mi risponde di aver traslocato da poco in un’altra bellissima, ariosa e soleggiata, purtroppo molto distante.
So che devo andarmene, e spero di trovare anch’io una buona sistemazione.
Pensando alle cose che vorrei portare con me, mi guardo intorno, ma la stanza da cui sto uscendo è completamente vuota, mentre una nebbia luminosa avanza occupandola.
Il proprietario cerca di spiegarmi che non dipende da lui se non posso più restare, dice che le case quando cominciano a riempirsi di questa nebbia finiscono per sparire, e che se volevo restare nei paraggi, avrei dovuto arrangiarmi per strada.
Si rende conto di quanto sono preoccupata e mi dà un sacco a pelo, di un tessuto lucido e leggero, quasi un velo, blu cobalto. Visibilmente perplessa sto per andare via, quando lui aggiunge: ti riparerà a sufficienza e durerà il tempo necessario.
Mi sdraio per entrarci e, così come sono avvolta, mi rimetto in piedi, e mi allontano sentendomi ben protetta.

 

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, sogni e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Un sogno

  1. Anghessa ha detto:

    E’un “bel” sogno…coraggioso e sereno,in fondo (tra l’altro) attesta serenita’ interiore-bene prezioso!

    Liked by 1 persona

  2. Poesie per finta ha detto:

    Bella narrazione per un sogno a tratti inquietante. Il particolare della nebbia è molto interessante!

    Liked by 1 persona

  3. Bianca Bi ha detto:

    Come l’hai interpretato se si può dire?

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      su fb c’è una sfilza di commenti, con interpretazioni diverse, ma tutti con qualcosa in cui mi sono riconosciuta.
      per me ha molti significati, alcuni prettamente psicologici, altri, e mi piace pensarlo, che sconfinano nell’esoterico.
      e, come in tutti i sogni, certamente c’è anche la rielaborazione di un vissuto recente.

      Liked by 1 persona

  4. Anonimo ha detto:

    Mi piace pensare che quel velo donato in cui ti avvolgi, sia una sorta di “mantello” che ti protegge e insieme ti rende invulnerabile, cioè pronta ad affrontare anche dalla “fitta nebbia” che fa sparire “le case”…Un abbraccio.

    Liked by 1 persona

  5. gelsobianco ha detto:

    Cri, tu entri in una “nebbia luminosa”, non in una nebbia qualsiasi, una nebbia che fa sparire le case, sì, ma dona luce…
    E poi ti viene dato un sacco a pelo “un velo, blu cobalto”. Tu entri e ti senti protetta.
    Divieni forte invincibile e puoi affrontare tutto.
    A un certo punti scrivi “ma la stanza da cui sto uscendo è completamente vuota”.
    Forse ti sei già allontanata da tutto, allontanata in un senso giusto, come dovrebbe essere, un allontanarsi non per mancanza d’amore, anzi…
    Hai la serenità con te in quel sacco a pelo.
    Ecco, io sento così il tuo sogno.
    Ascolta… Nel sacco a pelo blu cobalto c’è il suono di questo violoncello e di questo pianoforte…

    Ti abbraccio forte, Cri cara.
    …e la luminosità del tuo dipinto è suggestiva.

    gb

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      vero, gb, una nebbia che è soprattutto luce, che fa sparire pareti, ma nello stesso tempo si diffonde.
      è stato un sogno di cui rammento i particolari perché nel sogno stesso sapevo di sognare e prendevo nota.
      grazie per l’apprezzamento all’immagine e alla musica. ❤

      Mi piace

  6. fattorina1 ha detto:

    E’ tranquillizzante questa visione del trapasso che indossa velami, quasi eroticamente.
    Non ce ne dipartiamo nudi ma protetti, belli e la nebbia non riesce ad afferrarci; siamo nuvole azzurre, cirri, pronti a strasvolare.
    Narda

    Liked by 1 persona

  7. carissima, la nebbia fa casa, da sempre.
    Avvolge e accompagna: indistingue i confini, i distacchi e i passaggi, con la morbidezza del velo.
    Nel suo grembo cose e persone sono un tutt’uno.
    z.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...