Essenziale

balcone- by criBo

accantonare idee moleste
lasciarle ai sognatori
alle vedove bianche
ai giocatori grattaevinci

eliminare quelle arrugginite
come chiavi trovate nei cassetti
che non si sa di quali case
aprivano le porte

dimenticare nomi e ricorrenze
ma ricordare Ugo
il ragno battezzato da mio figlio
e proclamato santo quando
stanato dal soffitto
fu trucidato dall’aspirapolvere

assottigliare sempre più i contorni
lasciare che si spengano le braci
i paradossi come questo e che
ne voli via la cenere di paglia

 

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Essenziale

  1. Anghessa ha detto:

    Povero “ugo” quando ero piccolo….mi avevan detto che i ragni discendevano da una ninfa “punita” da Giunone! da allora li ho sempre guardati con -quasi-condiscendenza- bella la poesia,

    Liked by 1 persona

  2. fattorina1 ha detto:

    L’abbraccio dell’attesa della fine. Ci saremo anche noi in quel luogo, in quel tempo e ricorderemo Ugo, favilla, Ninfa, Zelinda…. Chi non ha avuto un santo ammazzato a cui dopo chiedere perdono.Tu scrivi, noi ti leggiamo e la nostra mente non si spegne, si fa flebile la luce, ma sempre tale è, materia che se può, brilla.
    Narda

    Mi piace

  3. cristina bove ha detto:

    “materia che se può, brilla.”

    hai detto tutto con questa bellissima frase
    grazie 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...