Occidentalmente oriente

guardando cassiopea

passano in fila a tessere
un domino scolora i punti e gli angoli
si piegano i contorni
si ridisegna ad ombre ciano
il niente delle ombre
_i veli non cadranno mai_

piuttosto voleranno uova di marmo
soli di zafferano, baie di carta blu
dalle caverne al cielo: i ponti delle luci
arcate in cui si scorgono viandanti
sconosciuti a sé stessi, vagamente numeri

abbiamo falci e lame
taglienti come cerchi di compasso
sembrano lune rosse
nei deserti d’Arabia

cadremo insieme
quando un soffio diventerà uragano
e nel precipitare
sapremo il dio delle pedate
il dio delle lusinghe e dei piaceri
lanciati come fossero coriandoli
in questo carnevale ch’è la vita

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Occidentalmente oriente

  1. Bianca Bi ha detto:

    Cara Cristina è davvero bella…la musica che hai scelto poi..è proprio sua

    Liked by 1 persona

  2. gelsobianco ha detto:

    “_i veli non cadranno mai_” ❤
    Poesia che mi toglie la parola
    Ogni verso è bellissimo.
    E questa musica…
    E l'immagine

    Grande cara Cri
    ti abbraccio
    gb
    A presto!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...