Abituarsi a non lasciare ombra

nuvole 3 - by criBo

 

-Vedi pareti? Chiede nel dormiveglia
il capomastro delle case a picco
-Vedi la roccia conservare impronte?
è una terra che scorre come sabbia
un mondo errante
nessuno evade ma nessuno resta

nevica sale ovunque e spazza via
le regge e i bassifondi
le maniere gentili e gli abomini
_passa ogni cosa_
fossero scie di stelle o incisioni rupestri
la storia è un’illusione degli umani

però l’inafferrabile
che lo si viva di progetti o sogni
non ha necessità di registrarsi
che lo si scriva o no
che lo si dica o taccia
il pensiero è una traccia d’universo

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Abituarsi a non lasciare ombra

  1. fattorina1 ha detto:

    Incredula , senza dio, ti sei data al tutto quanto gioca il male , un tutto che viene dai graffiti e giunge a robot ; il pensiero indugia, incolpevole, inconsapevole , ci tinge le mani, azzurra la luce.

    Piace a 1 persona

  2. italoromero ha detto:

    molto molto molto vero infatti oggi basta scrivere sul web per non lasciare traccia e chi oggi crede di lasciarla è soltanto un mentecatto turbato forse da troppa storia o letteratura ahahah

    Piace a 1 persona

  3. lementelettriche ha detto:

    A me piace che il pensiero venga così definito: una traccia d’universo.

    Piace a 1 persona

  4. lementelettriche ha detto:

    … è una traccia da seguire ❤

    "Mi piace"

  5. lementelettriche ha detto:

    Crì, mai come oggi penso che la storia sia un’illusione degli umani, che passi ogni cosa tranne l’inafferrabile. E pesa _ a volte _ l’inafferrabile. Schiaccia. Resta il pensiero quale unica traccia da seguire.

    Piace a 1 persona

  6. Cristina sente l’oltremondo, l’oltreumano. Cristina sa l’inconsistenza dell’effimero in cui siamo invischiati, e ne ride con leggerezza. Cristina addita la dimensione inafferrabile della nostra energia, pure di quel pensiero che lasceremo vagare nel cosmo, unica nostra traccia nell’universo. Una lezione contro ogni presunzione, ogni superbia. A te un abbraccio cosmico, Cristina sapientissima.

    Piace a 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      Carissima Annamaria! non è mia la sapienza, ma nostra comune appartenenza, un’antica saggezza che a tratti si accende in noi, testimonianza della realtà più ampia che, per quanto imperscrutabile, tutti ci comprende e ci ispira..
      grazie della tua visita.
      ti abbraccio anch’io con immenso affetto.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.