Post-it

origami casa - by criBo
                             
appiccicati alle vetrate
agli orologi fissi, alle portiere
sulle cartelle mediche
scriversi per non perdersi nel vuoto
restare in superficie
perché il metallo infisso nelle vertebre
resti dimenticato nel profondo

registrati da suoni e scorrimenti d’acqua
esondazioni di bacini
_minuscole cascate in fiumi carsici_
sballarsi di pensieri
apparecchiando stelle sulle tavole
come fossero luci stroboscopiche
in gipsoteche di musei

sopravvissuti alle angherie del tempo
tracciati a pennarello sulle rocce
_un supplizio per l’aquila affamata:
ne morirà di sfinimento_
noi
stilizzati disegni senza corpo
prometei liberati dalla carta
saremo trasparenti ed invisibili
forse immortali

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie della confusione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Post-it

  1. Anghessa ha detto:

    Le sue poesie sono sempre interessanti,ma…nell’ultimo periodo molto pessimiste,ha letto Bukowsky? CORDIALI SALUTI

    Liked by 1 persona

  2. elis19mr ha detto:

    “perché il metallo infisso nelle vertebre
    resti dimenticato nel profondo”
    e ancora
    “stilizzati disegni senza corpo
    prometei liberati dalla carta
    saremo trasparenti ed invisibili
    forse immortali”

    Versi di grande verità, che stupiscono perché riportano a quel principio di cui alle prime scritture sulle rocce, che prevedeva già una fine; a quello che già allora ci si chiedeva – il solito ritornello – da dove veniamo? dove andiamo? qual’è il nostro fine ultimo?
    Forse resteremo immortali? Foscolo diceva che solo ai grandi capaci di grande opere è destinata l’immortalità.
    Di certo saremo invisibili… e pure trasparenti 🙂

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      Siamo certi di una sola cosa: la nostra incertezza.
      Tutto il resto è più o meno visibile, a volte ci sembra chiarissimo, a volte così oscuro che vorremmo sparire a noi stessi per non soffrire questa cecità che ci angoscia.
      Anche scrivere può essere una temporanea via di fuga. Forse un attimo di soilievo…
      🙂

      Liked by 1 persona

  3. fattorina1 ha detto:

    C’è un procedimento di lento progredire verso una fine che ci avvinghia ossa e pensieri, le certezze scivolano a riva quando non vanno a fondo.Il metallo con l’ossigeno fa ruggine, non rinnova il sangue.
    Sei sempre grande anche in questo cupo periodo.
    Narda

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...