Mobili che fingono d’essere importanti

sedia fantasma

 

Ho una credenza piena di non so
ratti pensieri che fanno paura
mi salvo salendo su una sedia e
nell’aldiqua della spalliera resto
protetta da scaffali di disordine
non soltanto mentale
_vengono in mente sogliole
saponette allo zenzero
califfati arabi_
il filo illogico mi seduce e avvia
a un libro rosso (onirica psiché)
chissà che ne direbbero gli esperti
di tutti quegli spazi che nascondo
tra un girasole e un libro blu
il colore è una folle percezione
di sfarfallii e riverberi (ah, l’hai detto ancora!)

da paesi lontani legni pregiati per i tavoli
_alberi di foreste amazzoniche_
anche solo per questo è meglio scrivere
al pc
trarre dal fondo illuminato il nulla
di parole che
potrebbero non esserci

un guazzabuglio di nozioni
nell’indeterminato
e un trasportarsi unidirezionale
fino a quando si può

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie da non saper che farsene e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Mobili che fingono d’essere importanti

  1. Signorasinasce ha detto:

    Alchimia tra materialità ed essenza

    Liked by 1 persona

  2. fattorina1 ha detto:

    Percorrendo un terreno malfermo che chiede supporti allo stare oltre che all’andare, hai creata una poesia oscura , che consente ai lettori un loro percorso originale e ab origine; se ne ricava un a” guazzabuglio di nozioni” e il permanere in bilico borderline.
    Narda

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      Ho sempre presente, mentre penso e scrivo, che tutto ciò che mi attraversa la mente appartiene a tutti, ed è il risultato migliore della mia esistenza: sentirmi un portavoce, uno specchio, una frazione di respiro universale.
      Grazie per coglierlo sempre, cara Narda.

      Mi piace

  3. Sono i nostri sguardi che accumulano le cose e i pensieri, per dare o togliere senso.
    Forse questo il vivere di passaggio, non credi?
    Un abbraccio
    z

    Liked by 1 persona

  4. lementelettriche ha detto:

    Mi piace che ci sia tu a salire su quella sedia ed a lasciarti prendere – prendendo anche noi con te – dal filo illogico!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...