Scalate all’intangibile

kailash - by criBo

Salivano tenendosi per mano
la vetta assai lontana, tra le nuvole
e mai s’avvicinava
sedettero sui bordi della notte
su pietre levigate
a raccontarsi vivi

si temevano i giorni dell’addiaccio

per mille giorni si vegliò la frana
le colombe fuggite troppo in fretta
avvisarono l’aria dei rapaci
_vennero neri a frotte_ tuttavia
trovarono soltanto abiti smessi
e versi scritti sulla roccia nuda

un cielo incontinente
cancellava le impronte

non sapevano d’essere arrivati
al dunque della biodemarcazione
tra le minuzie delle pulsazioni
e l’universo ignoto
_chi andava e chi restava_

Intanto qui
la cenere rivendica fantasmi

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Scalate all’intangibile

  1. guido mura ha detto:

    Bello questo viaggio ai bordi della notte, addolcito dal canto di Kate.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...