Archivi del mese: novembre 2017

Dopo

sarà la giornata più lunga sembrerà che ogni vigilia rimossa ogni fatto incompiuto abbia la stessa proprietà dell’accaduto gli accidenti di sempre meno che impronte sopra il borotalco e i gesti quel ravviare i capelli con le dita l’abbraccio forte … Continua a leggere

Pubblicato in Luigia Sorrentino, poesie, poesie dell'abbandono, riproposte | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Opera

  Nel tumulto di suoni la sordina va scolorando pagine e spartiti tacciono legni e fiati in dissonanza l’orchestra sta lasciando il golfo mistico riposti gli strumenti un fantasma di musica appassisce in dissolvenza    

Pubblicato in poesie, poesie dell'abbandono | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Se potessi descrivere una mai

  Se potessi descrivere una mai vissuta storia o un’occasione persa _al di qua dei dinieghi_ sarei l’immaginario romanzo senza trama né soggetto ne deduco pertanto che raccontarmi è un tentativo estremo di resistere al vuoto e alla follia d’un … Continua a leggere

Pubblicato in poesie, poesie dell'abbandono | Contrassegnato , , , , , , , , , | 2 commenti

mille e una donna

sono passate tutte le bambine del mondo e dentro me stanno imparando l’arte d’invecchiare  

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , | 4 commenti

Nei deserti non crescono fragole

    Il ticchettare insolito faceva presagire l’inversione la donna che scriveva poesie con parole di carta fu capovolta come una clessidra e sparpagliata in briciole di vetro perse la sabbia e il senso della vita  

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , | 1 commento