Megaride

sprazzo-azzurro-by-cribo3.jpg

                                 
Sta occupando il mio spazio dalla fronte
alla punta dei piedi
pietrose lische
contamina di piombo isole agglomerate
liquefacendo vita
mi divento metallica, cromata

E fredda
pelle congela i miei vapori

All’apparenza simulo una forma
braccia d’avorio
perimetri di sangue e di respiro
ma dentro è lei che avanza
con precisione e squame
di cemento

sotto il vestito
una marmorea coda

sentirò l’onda battermi sull’orma
cancellare i miei piedi

aprile 2008

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Megaride

  1. guido mura ha detto:

    Qualcosa cresce inesorabilmente, dentro di noi, che poi siamo solo un ammasso di ricordi.

    Piace a 1 persona

  2. Bianca Bi ha detto:

    “sentirò l’onda battermi sull’orma
    cancellare i miei piedi”
    Che immagine Cristina..quanto la sento stringere.

    Piace a 1 persona

  3. lementelettriche ha detto:

    Oggi c’è – grosso come un dinosauro –
    uno fra i coccodrilli più cattivi
    che io abbia mai dovuto fronteggiare.
    M’esce persino la coda da sotto il vestito.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.