Megaride

sprazzo-azzurro-by-cribo3.jpg

                                 
Sta occupando il mio spazio dalla fronte
alla punta dei piedi
pietrose lische
contamina di piombo isole agglomerate
liquefacendo vita
mi divento metallica, cromata

E fredda
pelle congela i miei vapori

All’apparenza simulo una forma
braccia d’avorio
perimetri di sangue e di respiro
ma dentro è lei che avanza
con precisione e squame
di cemento

sotto il vestito
una marmorea coda

sentirò l’onda battermi sull’orma
cancellare i miei piedi

aprile 2008

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Megaride

  1. guido mura ha detto:

    Qualcosa cresce inesorabilmente, dentro di noi, che poi siamo solo un ammasso di ricordi.

    Piace a 1 persona

  2. Bianca Bi ha detto:

    “sentirò l’onda battermi sull’orma
    cancellare i miei piedi”
    Che immagine Cristina..quanto la sento stringere.

    Piace a 1 persona

  3. lementelettriche ha detto:

    Oggi c’è – grosso come un dinosauro –
    uno fra i coccodrilli più cattivi
    che io abbia mai dovuto fronteggiare.
    M’esce persino la coda da sotto il vestito.

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...