Case di nebbia e superfici ambigue

 

miraggi -  by criBo

 

e tutti i santi giorni c’è un momento
che dici: adesso chiamo
e non lo fai
non perché non hai tempo
no. È solo una mancata prospettiva
un’abulia da fiori secchi
_è grave quest’andarsene dai fuochi
e perdersi nei giochi
programmi alla tivù
carte rimescolate in solitari
bolle dipinte, fattorie e mercati_
sembra di stare insieme e ci si arrocca
l’anima ripiegata nei cassetti

viversi a un passo dalla propria mente
distanziati da sé, dagli altri, dalle voglie nette
al posto degli specchi, paraventi
e in una sospensione altalenante
siedi e non vuoi sapere
il giorno vuoto
_l’attimo passa e puoi dimenticare_
il suolo e il volo

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Case di nebbia e superfici ambigue

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.