Là fuori

la vague, le vent, le cri - by criBo

 

il mondo accade
e non capisco nulla di reale
io vivo un po’ distratta
stendo veli tra immagini e dolori
ignoro il corpo quando dice vecchio
l’instupidisco di presagi
solitamente in blu
altri colori coprono misfatti
ultimi pezzi aggiunti al mio mosaico
mio per assegnazione  _fa ridere pensarlo_
mio di frodo

tutto succede altrove
io mi succedo

aggrovigliata in tentativi d’arte
_sono la falsariga di un dilemma_
abito l’acqua
e non conosco i fuochi della riva

non amo a sufficienza
certo sono malata
ma ignoro qual è il virus
che mi contagia di malinconia

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie da non saper che farsene, poesie della confusione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Là fuori

  1. lementelettriche ha detto:

    Il mondo accade
    e io non lo capisco:
    spesso mi rifiuto
    perchè sono stanca
    di capire tutto…
    e quando ci sono
    i miei presagi viola
    ancora mi ribello
    m’arrabbio, chiedo aiuto
    eppure
    il mondo accade
    senza ascoltarmi
    mai.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...