Il contratto

feuerbach (lente) by criBo

Poi ho capito che
non scrivo poesie _registro l’anima_
qualunque sia
un’anima sorpresa
dell’estensione umana
_la donna ha piedi piccoli
sta nella nicchia del suo cuore indocile
è la bambina che tastava i muri
negli infiniti corridoi d’inverno_
nottambula già allora
depositata
quasi dimenticata

nei paraggi di quella oscurità
mi sconfinai sognandomi già adulta
e avvenne la realtà come se fosse
la profezia d’un qualche venditore di almanacchi
all’infinito. Oppure pavesata
_verrà la morte e avrà… non solo gli occhi _

provo a disdire il tutto
ma equivoco e minuscolo
come avvertenze di medicinali
non leggo le specifiche di revoca
nemmeno con la lente contafili

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.