Nonsense

 

ombre sul porfido

 

L’ombra mi calpesta
non sembra che si appoggi
o gravi sulle spalle. È chiara
una macchia che sconfina
_vitiligine dell’anima_ incurabile
come sapersi duplicata in bianco madreperla
mi avvolge
chi la vede ne sa, di queste avviluppanti ombre
per esperienza o per sentito dire

il corpo è senza precisione
si sposta in onde che visivamente
fanno una donna antica
_per non dire vecchia, ch’è brutto_
e si percorre in largo e in lungo
si snoda tra i residui della fu

possono i ruderi avvistare
le proprie pietre orizzontali
le colonne cadute?

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.