Quando si vive al margine di sé

 

il mio kintsugi - by criBo

l’anima non ha spazi da riempire
e non si adegua
ai tentativi di ridare vita
a un corpo andato

la donna è un intervallo
tra l’inizio di strada e la sua fine

ha smesso di parlare
all’uomo che si è spento nella testa
lontano da ogni suono
intermittente e privo di colori
nel mondo suo daltonico

così la donna prende le distanze
fuggendosi negli occhi

 

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Quando si vive al margine di sé

  1. lallaerre ha detto:

    stamattina pensavo: non mi lamento, c’è tanto ancora che mi dà dolore…

    Piace a 1 persona

  2. frantzisca ha detto:

    Mia Cristina, mio ❤ stretto nel tuo dolore, che sai che di lacrime non ne ho più. Ti voglio un mondo di bene!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.