Nascere di Settembre

guardando cassiopea

nello spostarsi obliquo delle case
in precessione equinoziale
adusi a traslocare
s’mpacchettano cavoli e cicogne
si piegano tovaglie e calendari
dagherrotipi d’ospiti scomparsi
e affacciati alle dodici finestre
in giorni privi di una data certa
s’inventano battesimi di stelle
_nomi scritti in azzurro nella notte_

possiamo grandinare in versi sciolti
piovere in note musicali
attraversare spettri di stagioni
coltivare melangoli e disastri
_vale per tutti, geni o malfattori_
in entropia da memi interattivi
sapersi dislocati nel disordine
di questo carnevale transitorio
_inferno in una bolla di sapone_

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie della confusione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...