Per filo e segno

E qui tra noi
possiamo dirci della geografia
sui corpi vivi
la madreperla delle cicatrici
il metallo sepolto nella carne
_a volte vibra come a dire: sto_
gli occhi mi guardano negli occhi
tentano di spostare il puntofuga
come se la civetta dei vent’anni
potesse riaffiorare dagli specchi

il mare quieto
bagna le gambe e il suono della riva
la mia città è un ricordo cartolina
_risate in sottofondo_
la bambina è nascosta in versi amari
ha lune tra i capelli
scorrere di ruscelli fino ai piedi
e sembra levigata
quasi una pietra che trattiene l’acqua

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Per filo e segno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.