Via dalle zone morte

 

3430921264_f13588eb53_o2.jpg

Morde con denti aguzzi sul velluto
disquisisce la voce che si allappa
dice ch’è tempo di valutazioni
ex cattedra
fugge il coniglio dal cilindro, va
dove s’incontrano i miracoli
lascia al prestigiatore i suoi cappelli
_un ciuffo d’erba fa la poesia
senza che lo si sappia_

lontano dai teatri si respira
aria di libertà. La maestria non basta
alla platea servile.
_abbasseranno il capo i girasoli_
e intanto quietamente
fioriranno miosotidi e viole

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Via dalle zone morte

  1. lallaerre ha detto:

    l’aria di libertà, l’unica respirabile davvero

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.