La spiaggia oltre il cancello

https://www.napoligiornalegratuito.it/wp-content/uploads/2018/06/MARE-E-RIFIUTI.jpg

 

passavano dei treni
sulla strada ferrata che dal porto
giungeva alla periferia di Napoli
tra il rimessaggio delle barche e il muro
dietro il collegio delle suore

cordami e reti stese ad asciugare
alghe intrecciate ai legni insugheriti
noi bambine
cercavamo tesori nella rena
frantumi levigati di bottiglie
smeraldi e acquemarine
luccicanti nell’onda di battigia

dal passaggio a livello
in fila sotto il sole
traversavamo libertà e binari
ritornavamo nelle camerate
con le pietre preziose nelle tasche
e l’odore del mare nelle mani

 

da “Coordinate semplici”

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a La spiaggia oltre il cancello

  1. lallaerre ha detto:

    e quante volte, anche da adulta, ho raccolto queste pietre preziose, piene di fantasia…

    Piace a 1 persona

  2. lementelettriche ha detto:

    L’ho fatto anche io
    ma tornavo a casa di nonna:
    a volte piangevo
    _aspettavo domenica
    veniva babbo_
    gli ippocampi sorridevano
    le stelle marine brillavano
    io imparavo a nuotare
    diventavo una bimba speciale.
    Mi sentivo una sirena.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.