Firmamento

 

y cassiopeiae

apparve un raggio tondo
sulla bacheca dell’oscurità
a rendere la notte meno notte
nell’infinito capovolto che
si compiaceva d’essere la luna

il sole acceso tra mattino e sera
irradiava la terra
ne germinava l’anima del mondo

un Dio sognò l’amore e fu sognato
nel sonno occultò il fine della fine
si sparpagliò nel noto e nell’ignoto
si battezzò da sé
con tutti i nomi delle sue creature
provò a morire per sapere il vuoto
a nascere per essere l’umano
si concepì di raggi e di metà
di bianco e nero
una parte di vetta una d’abisso
nell’indeterminabile suo intero

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Firmamento

  1. tramedipensieri ha detto:

    Si battezzò da sé…

    Musica splendida
    Buona domenica Cristina 🌼

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.