History of frogs

sognare-rane-2

Nello stagno c’è subbuglio
tutt’intorno al baciapile
mezzo ratto mezzo re
come scettro una ramazza
per far finta di pulire
l’acquitrino dei vassalli

ha una nassa senza fondo
dove mettere in berlina
chi non pensa il suo pensiero
dissuasori e dissidenti
farli fuori a inchiostro nero
mentre ai rospi imparentati
impartisce le lezioni:
l’arte è cosa da beffare
eresia da castigare
la lettura è un grave oltraggio
lo scrittore è ’o malament
il poeta un poveraccio
che non ha capito nient

sta seduto sopra il trono
del suo grasso deretano
e all’accolito stellato
alle rane cortigiane
alle larve di palude
ha promesso melma e guano

a noi figli d’altra storia
non ci resta che aspettare
quando il fango finirà
_solo un buco resterà_

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesia umoristica, poesie, poesie della rivolta e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.