Nel concavo di un nome

pesce rosso

racchiusi nel minuscolo abitacolo
del corpo materiale
siamo come dei pesci nella boccia
ingannati dal vetro della sfera
sappiamo solo il poco che ci attornia
ipotizziamo spazio ed infinito
_la neve di scintille appaga gli occhi
e ci distoglie dal cercare altrove_

ecco la beffa degli dei
l’iniquità divina del silenzio:
fare di un essere pensante
un prigioniero

innamorarsi del non conoscibile
è la tragedia che disloca l’anima
la rende folle
confinata a vita
fino alla sparizione della bolla

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Nel concavo di un nome

  1. bortocal15 ha detto:

    lo aggiungo anche a voce: bella! hai dato voce anche alle mie inquietudini.

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: La triste Italia del rancore – bortoblog 28 – cor-pus 15

  3. lementelettriche ha detto:

    ecco la beffa degli dei
    l’iniquità divina del silenzio:
    fare di un essere pensante
    un prigioniero
    _______________________
    Punto!

    Piace a 1 persona

Rispondi a lementelettriche Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.