La libertà

umano con_forme
elaborazione grafica di una mia scultura

Da zone di catrame
tentarono la fuga verso campi di gigli
ma uccelli neri a guardia dei confini
pretesero giornate a pagamento
nottate senza sogni
_li avrebbero elargiti in cambio dei pensieri_

Vedrete cose che nemmeno i dèmoni
saprebbero inventare
disse la madre in un rigurgito
di verità
vi accorgerete della densità dei corpi
delle infinite aberrazioni
in cui la stravaganza degli dei vi esige
_potrete difendervi dal male
dal bene vi sarà impossibile_

tentarono per secoli la fuga
gli esseri umani
la pagarono a rate a ogni respiro
diventarono maghi
separarono i mari e le montagne
evasero la luce e giunsero nel mondo
_vagirono e morirono
nel punto in cui si chiuse il cerchio_
furono presi all’amo dell’amore
il cordone d’inizio una catena
il taglio d’una nuvola la fine

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie da non saper che farsene, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a La libertà

  1. Irene Rapelli ha detto:

    Meravigliosa.
    Buongiorno,
    Irene

    Piace a 2 people

  2. Irene Rapelli ha detto:

    (temo d’essere nello Spam, accidenti)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.