Ivory black

Tra mescolanze acquerellate
lo stolido pittore
entra in confini provvisori
a coltivare il buio nelle contrade

scuote la testa e cadono bavagli
sulle bocche dei pesci nel barile
_tacciono consenzienti_
intanto che dal mar della ragione
di banchi di sardine
si riempiono le piazze

il baro finge di guardare altrove
rimestando parole nel catrame

ma vedremo fiorire sulla tela
dei nuovi artisti dall’età squillante
_campane da richiamo_
e grazie a loro
assisteremo a sprazzi di coscienza
lumeggiare di vita rose rosse

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie della rinascita, poesie della rivolta e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.