Avaria

maelstromBattezzare una falla
di navemadre ferma in darsena
squarcio da cui pescare il cielo
caduto in mare prima del naufragio

ci perdonino i figli
la perdita di bussole
le imprese non portate a compimento
i miraggi condussero lontano
le tempeste spogliarono progetti
perdemmo alberi e vele
ci ritrovammo persi tra relitti

si nasce in strade liquide
si naviga a soggetto
fino all’estrema collisione

e nei frangenti le cartografie
salvate da salsedine di pianti
un lascito di porti da scoprire
ai discendenti

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.