Vernissage

cristina bove

Avenue de la Liberté, nombre 14
poco distante dalla sinagoga
era lì che attendevo, nell’abito di seta
tagliato da un autentico kimono
un costume di scena tra le robe
del teatro in disuso.
L’Istituto Culturale Italiano
apriva le sue sale alle mie tele.

Ventitreenne giovane pittrice
esordiva il dépliant,
promettente dicevano gli inviti e
il Direttore amico degli artisti.

Stringevo mani, dispensavo sorrisi
l’emozione mi arrochiva la voce.
Il libro aperto sopra la consolle, in attesa
di firme
ed ecco nomi, e segni d’entusiasmo
l’augurio dell’amico tunisino
già pittore famoso
ed io confusa
col mio bambino in braccio
e un altro che aspettavo…
Fu così che li scelsi.

Rifiutai quell’invito: La “galerie des…”
(dimenticai nel mentre)

e poi ci fu la cura degli amori.

View original post

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.