Atmosfera protetta

 

vennero e se ne andarono
soccorritori in abito arancione
portarono altra sabbia nel deserto
il disorientamento dei relitti
al vecchio geco senza più ventose

a me l’incaglio in pensieri d’ovatta

dov’ero
quando mi colse la memoria
di quelle cose frivole
che si potevano dipingere a tratteggi
piumaggi e cappellini
barattoli di spezie da cucina
e salti facili
come bere dell’acqua?

Per amore di chi (lo sanno bene)
mi adatto a questa me di sussistenza
e scrivo della vita
in lettere che fanno mongolfiera
facendomi sperare ancora incolume
in un prossimo e soffice accielaggio

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Atmosfera protetta

  1. almerighi ha detto:

    quanta rabbia tra le righe

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...