A-plomb

sulla gruccia - by criBo

il corpo
come un vestito sulla gruccia
cade
spoglia dimestichezze
abitua alla vertigine del senza
nullifica ricerche nell’armadio

un pensiero anestetico
esenta da sgradevoli riflessi
ignora l’affiorare delle ossa
relega l’imballaggio
nel limbo dei drappeggi

soltanto nei ritratti
dissimulato con i chiaroscuri
inganna l’occhio
emerge dalla tela
ma
sotto le velature dei colori
niente

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie da non saper che farsene, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a A-plomb

  1. lementelettriche ha detto:

    L’esteriorità è un imballaggio
    eppure ci avevamo preso dimestichezza
    anche se poca.
    Non fosse altro che per la filastrocca nota
    “Mens sana in corpore sano” _ dicono loro _
    Eppure, da quando ho memoria di me,
    conservo il pensiero
    con maggiore capacità
    ché giù _ come appesa sulla gruccia _
    la mia carne c’è già stata tante volte.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.