L’uomo che inventò la speranza

Era seduto sulla pietra nera
della caverna gelida
il fuoco ormai soltanto cenere
la tramontana urlava intorno al masso
che chiudeva l’imbocco

la femmina pareva che dormisse
di un sonno troppo duro
_il neonato non vagisce più_
entrambi sono immobili
bianchi come i rigagnoli di gesso

aveva disegnato un bue e un cavallo
ora nel buio spariti
ma li vedeva scalpitare vivi
ad ogni lampo

c’era stata la luce per due volte
e per due volte il buio
e ci sarebbe stato ancora il disco giallo
_quell’oro prima che scoprisse l’oro
un Dio di certo_

e mentre intorno gli moriva il mondo
gli scaturì come una fiamma in petto
un frullo in testa

spostò il macigno
ricordò i colori
la valle degradante fino al mare
_nessuno ancora lo chiamava mare_
le bacche rosse di quel buon sapore
il latte di quel docile animale
il fusto adatto per l’affilatura
l’amigdala già pronta da inastare

uscì nel sole
formulò un pensiero
un pensiero d’immagini soltanto
_domani è un altro giorno_
sarebbe stato detto nel futuro

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a L’uomo che inventò la speranza

  1. Pingback: Cristina Bove – Non di questo mondo

  2. franco bonvini ha detto:

    L’ha ripubblicato su Non di questo mondoe ha commentato:
    Cristina Bove

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...