Gira e rigira l’uomo nell’anello

 

se i corpi
fossero punti di riferimento
sarebbero immutabili
e la vita
un rettilineo senza panorami

ma in un continuum curvo
l’eternità fatta percorso
è un’interfaccia tra nascita e morte
un nastro di Moebius
che in alternanze gravitazionali
scorre mutando forma e percezione
ad ogni svolta

e se la fine
disfacimento o transizione atomica
fosse fittizia sparizione
un susseguirsi di rivoluzioni
di noi
nell’incessante divenire
persisterebbe qualche traccia

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Gira e rigira l’uomo nell’anello

  1. Filippo Fenara ha detto:

    Mi è piaciuta molto la contemporaneità di questi armonici versi, potrei ribloggarli sulle mie carte carbone Sabato mattina alle 8:30? Grazie comunque e buona serata.

    Piace a 1 persona

  2. Filippo Fenara ha detto:

    Allora d’accordo, grazie, se hai anche accounts su Facebook o Instagram dove vuoi essere taggata, comunicameli! A presto.

    "Mi piace"

  3. Mr.Loto ha detto:

    Complimenti per la fantasia e per l’originalità . . . non è da tutti.
    Un saluto

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...