Nel cerchio d’una lingua ignota

e si capiva
come se fosse d’acqua
un ruscellare in vuoti da riempire
e i fossili tornavano animati
a dire del nontempo e delle stelle
il prima e il dopo
il noi delle infinite vite

fu pronunciata un’alba nel remoto
e nel presente luccicò una frase
scorrendo in quell’invaso senza fondo
ci travolse
e mentre cercavamo di svelarla
ciascuno seppe d’essere scintilla
d’un puzzle senza inizio e senza fine

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...