Flop

A quelli che di semine e raccolti
_mani segnate a calli e terra nera_
fa lo stesso silenzio la poesia
la biografia dei grandi, il saggio storico
le diatribe sui massimi sistemi
gli scambi epistolari
l’astronomia, lo studio dei metalli
la logica dei quanti
e mille eccetera

quelli che non consumano parole
ma sanno
di malevento e grandine
dell’abbondanza e delle carestie
di lune in alternanza tra le pergole
e che stanno
nella sapienza ruvida dei fatti
come fiori su bocche di cannone
_la miccia coronata è stata accesa_

finito il grano
si morirà di favole e brioches
virali e virtuali
fantasticando di mangiare pane

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Flop

  1. sgnapisvirgola ha detto:

    in realtà tesoro credo che già si stia fantasticando di mangiare pane in mezzo a questa finta lussuosa carestia. Io vedo tanto caos emozionale attorno a me. O forse sono io che sono fuori corso.

    Piace a 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      mia cara, a me sembra tutta una mascherata folle, un grrottesco aggrapparsi a cose effimere, per distogliere la mente dalla realtà funesta che ci sta intorno e che ci sta mietendo.
      perfino questo mio scrivere mi pare solo un diversivo per dis-trarmi dai pensieri cupi.

      forse siamo entrambe fuori corso, amica mia.

      "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...