S_punti di vista

Ci si vedeva quando il dio dei fiori
faceva primavera sui balconi
nel dare nome a nuvole e coriandoli
quelli di noi sospesi sulle soglie
di stipiti e balconi
_cose di tutti i giorni le cadute_
predissero amnesie
tra recinzioni e strade vuote
                        
quasi di cera corpi di bambini
negli abiti da vecchi
saltarono sui fili del bucato
_li battezzò la dea dei parapetti_
e nel futuro già presente allora
furono sulla giostra a cavalcare
la persistenza dell’amore
il gioco che dà vita ad altre vite
                             
sull’asfalto rimangono i vestiti
e ci si vede nella notte chiara
ad aspettare il sole
nessuna morte a fare da barriera

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...