Archivi categoria: La dimora del tempo sospeso

Dis-trazioni

Apripersona metallico seghettare il coperchio dito tagliato a sangue succhia e risputa goccia sul pavimento in cotto tirate ____ pei capelli due sillabe passate in giudicato disgiungere di mani o rami o propaggini che distanziano da sé decorticate le tre … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, In casa d'altri, La dimora del tempo sospeso, poesie, Rebstein, riproposte | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

da Rebstein

 “La dimora del tempo sospeso” questa che segue e altri inediti Free climbing Terra verticale spianata a gambe e braccia lustrata dai destini degli uomini arrampicati alle invenzioni l’arte si rende a quote varie _____ l’arte del dire o divagare, … Continua a leggere

Pubblicato in Francesco Marotta, La dimora del tempo sospeso, poesie, riproposte | 4 commenti

Di_stanze

  Siedi, con le mani strette alle parole tastiera di stelle e refusi Dov’eri? mi chiedi in tutti questi anni che ho battuto strade tra barboni e puttane e il desiderio di un angelo spaesato mi prendeva davanti al mare, … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, Francesco Marotta, In casa d'altri, La dimora del tempo sospeso, poesie, riproposte | 12 commenti

Che sia la vita scritta

(Dagli Inediti, 2011) su “la dimora del tempo sospeso” (uscita- criBo)  Non ho finestre normali, dalle mie si vedono mosaici scomposti e ricomposti frecce direzionali solo che non è il vento ma le pulsazioni dell’etere, lo scompiglio di frange esistenziali (se … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, Francesco Marotta, In casa d'altri, La dimora del tempo sospeso, poesie, Rebstein | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 15 commenti