Silicati e affini

 

safe_image

dal fango alla fusione delle stelle
angeli prigionieri dell’argilla
nell’umido respiro che attraversa
lo sfolgorio del quarzo
tesi alla linea d’oltrecielo

la sete risvegliata nelle crepe
spinse la vita a nascere dall’acqua
amebe e dinosauri
homosistemi e memi replicanti
messi a dimora sulla terra:
nacquero i fiori i frutti e le magagne
i vivi e i morti

 

furono incluse luci nelle pietre    argilla
occultate le gemme nella carne
ma tutto ciò che replica e risorge
aspetta che si svelino i segreti
della pietra del sangue e del respiro
e che gli dei si stanchino d’arare
questi terreni concimati a sogno

 

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

L’invisibile scimmia sulla spalla

guardando cassiopea

Penso, dunque scrivo. Scrivo, dunque vivo. O viceversa.
Questo mi confonde; tuttavia la confusione è preferibile alla disperazione.
Nel piccolo caos quotidiano posso cercarmi tra le cose che dimentico e quelle che ricordo.

Essere sopravvissuta al suicidio, e a tanti altri malanni, mi ha permesso di vivere all’insegna della provvisorietà, la stessa che connota anche questi ultimi anni, ma in maniera profondamente diversa: è la cognizione inequivocabile della precarietà dei giorni e dell’avvicinarsi sempre più alla fine.
Per fortuna, o per qualsiasi altra ragione, ho l’opportunità di esternare in questo luogo le mie malinconie, di porgerle a chi legge e che, magari un po’, vi si riconosce.

Diventa necessario distogliere il pensiero dalle angosce, accettare che svapori e si dissolva, a beneficio della libertà: spostarsi di continuo dalle proprie ombre dà modo di muoversi verso chiarezze improvvise e inaspettate. Saltellare tra riflessioni e considerazioni lasciate in sospeso, permette di allontanarsi un po’ anche da sé stessi.

Per chi, come me, non ha fideismi di sorta, è facile sentirsi disgiunti dai contesti in cui si prospettano certezze d’oltre, e nel contempo è difficile adeguarsi alla propria finitezza.
E continuare a vivere malgrado il disorientamento che ne consegue: la logica è tiranna.

Per quanto mi riguarda, il solo valido appiglio è la scienza, che, proiettando nell’infinitamente grande l’infinitamente piccolo, dà la certezza del finire delle cose e la perenne loro trasformazione in altro.
Che dà la consapevolezza dell’incessante (si spera) acquisizione di ulteriore conoscenza,  che   persegue il miglioramento della vita su questo pianeta. Che non ne elimina ogni male ma ricerca il modo più efficace per alleviare il dolore.
La scienza, scandagliando la realtà ed esigendo prove e verità, è anche carità.

Penso a tutti i seguaci di questa o quella filosofia esoterica, che si infervorano per diete e cure alternative, ma che, se stanno veramente male, si precipitano al pronto soccorso, che sperano in un sollecito ricovero ospedaliero laddove ce ne fosse bisogno, e che si sottopongono a interventi di ogni genere mettendo la loro vita nelle mani del chirurgo. Eppure la ciarlataneria regna sovrana, fallace panacea o placebo, per distogliere la mente dalla nemesi che grava su ciascuno.

 

Pubblicato in riflessioni | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Come banane

human-and-environmental-impact-of-bananas

le poesie con il bollino blu
depositate in luoghi di raccolta
secondo il grado di maturità
stivate in caschi-versi nelle stanze
_un trapestio di piedi in sottofondo _
giungevano nei porti dei concorsi
su mercantili e navi da diporto
schivavano transenne e boccaporti
e senza credenziali
scaricate su metriche d’attracco
venivano smerciate
_alle dogane si chiudeva un occhio_

 

Pubblicato in poesia umoristica, poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , | 6 commenti

Soste esplicative

al-di-qua-delle-nuvole-by-cribo

Sulla circonvallazione est
una stella dipinta a carboncino
nasconde fenditure ai senza casa
ai senza amore sogni e altre quisquilie
ai senza.

Passanti che non hanno più riparo
guardano muri di costellazioni
ridotte a manifesti ingannatori
ma
riprenderanno fiato
sapendo che i disegni sui mattoni
non hanno passaporto e credenziali
e che si viaggia tutti quanti insieme
verso una sola direzione

 

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Itinerari incerti e conseguenze

varco  6 - by criBo

assenza di cartelli indicatori
nei bassifondi cosmici
un’ombra nera gravita sui muri
nasconde assenze nelle intercapedini
ripropone l’amore e i suoi scenari
a spettatori di tragedie e farse

si recita a soggetto
insieme tutti: pubblico e dilettanti
per evitare di pensare troppo
noi senza casa, impreparati a esistere
speranzosi, chissà
che non si vive per davvero
e che nessuno muore

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento