Archivi tag: rena

Discorso sulla ragione dei sassi

i guardiani del tempo segnano tacche ai vivi sul lastrico dei ponti _avviso agli aspiranti suicidi: siate prudenti_ le burrasche si abbattono improvvise bisogna abbandonare ogni progetto accaparrarsi il cielo prima che l’acqua si trasformi in pietra non ci si … Continua a leggere

Pubblicato in poesie, poesie del silenzio, poesie dell'abbandono | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 17 commenti

Mari del nord

Guardala da lassù cielo che spargi nuvole sui morti e metti nomi d’acqua ai pesci sai che l’azzurro se n’è andato impera il grigio la donna ch’era prossima all’esilio traduce il mormorio delle conchiglie le litanie sommesse delle onde in … Continua a leggere

Pubblicato in poesie, poesie del silenzio, poesie dell'abbandono | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La spiaggia oltre il cancello

  passavano dei treni sulla strada ferrata che dal porto giungeva alla periferia di Napoli tra il rimessaggio delle barche e il muro dietro il collegio delle suore cordami e reti stese ad asciugare alghe intrecciate ai legni insugheriti noi … Continua a leggere

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 7 commenti

Leggendo “Andenken”

“La fiumana sfocia. Ma toglie e dà memoria il mare, E l’amore anche affissa assidui occhi. Ma ciò che resta fondano i poeti” (Friedrich Hölderlin)   Da una riva d’alghe cresciute a grappoli piedi nell’acqua il tonfo, immagini cadute di … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 13 commenti

C’era e non c’era

                              sull’istmo che appariva e scompariva mont saint michel dell’anima _pareva_ la donna intermittente ci fu chi si confuse credendola un miraggio e le girò cinquanta volte intorno poi la bassa marea stese ricordi e li affidò alla rena … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, poesie | Contrassegnato , , , , , , , , | 10 commenti

Cetacei in via d’apparizione

la mente che spiaggiava le balene tuttavia le salvava da sconcertanti arresti quando i confini d’una scrivania separavano il cuore dalla testa accanto ad un oblò di scivolata _e sempre più distante il mare aperto_ assolversi dal pianto lasciarsi andare … Continua a leggere

Pubblicato in altri li annega il mare, poesie | Contrassegnato , , , , , , , | 6 commenti